Rhodiola Rosea, il rimedio naturale contro lo stress fisico e mentale

Rhodiola Rosea, il rimedio naturale contro lo stress fisico e mentale

Conosciuta anche come “radice d’oro”, la Rhodiola rosea vive nelle regioni artiche della Siberia. Alla sua radice la tradizione popolare attribuiva la proprietà di accrescere la forza fisica, la memoria, le capacità cognitive, come pure di favorire la longevità e il vigore sessuale.

I primi studi sulla Rhodiola, ad opera di studiosi russi e scandinavi, risalgono al 1960, ed hanno consolidato le indicazioni provenienti dall’uso popolare. Studi più recenti hanno evidenziato soprattutto le capacità adattogene della pianta sul nostro organismo. Con il termine adattogeno si intende una sostanza naturale in grado di aumentare le difese nei confronti degli agenti nocivi, la resistenza e la capacità di adattamento dell’organismo agli agenti stressanti e alle condizioni sfavorevoli di qualunque origine. Tutto questo senza andare minimamente a disturbare le funzioni organiche.

Preparati a base di Rhodiola rosea sono quindi indicati nelle situazioni di sovraccarico di lavoro che provocano diminuzione della prestazione, disturbi del sonno, irritabilità e affaticamento. La Rhodiola è indicata inoltre in caso di fibromialgia e sindrome della fatica cronica. La Rhodiola può essere utile nel trattamento della depressione caratterizzata da astenia più o meno intensa e può affiancare gli antidepressivi convenzionali alleviandone alcuni degli effetti collaterali più comuni. Le sue proprietà adattogene e quelle a carico del sistema nervoso centrale sono da attribuirsi alla sua capacità di influenzare la concentrazione e l’attività dei neurotrasmettitori in particolare serotonina, noradrenalina, dopamina e beta-endorfine.

Per quanto riguarda l’effetto della Rhodiola sul piano fisico, è stato evidenziato che la pianta induce un miglioramento del trasporto dell’ossigeno ematico, con incremento del numero degli eritrociti e dell’emoglobina e stimolazione dell’anabolismo muscolare. Gli estratti di Rhodiola contribuiscono a ridurre la concentrazione di proteina C reattiva, manifestando un effetto antinfiammatorio e di protezione del tessuto muscolare durante l’esercizio fisico. Con queste premesse la pianta può pertanto essere consigliata agli atleti, nei quali contribuirà a migliorare la forma fisica e le prestazioni, ad aumentare la resistenza ed a ridurre in tempi di recupero. E’ grazie a queste proprietà che veniva indicata come pianta atta a migliorare le prestazioni sessuali. La pianta viene prescritta anche durante un regime dimagrante in quanto in grado di contrastare, per azione centrale, la “fame nervosa”. Se abbinata a una moderata attività fisica, la Rhodiola sarebbe anche in grado di stimolare la lipasi presente nel tessuto adiposo, favorendo in questo modo la mobilizzazione degli acidi grassi.

La Rhodiola rosea viene considerata una doga sicura, dal momento che gli studi clinici non hanno evidenziato effetti collaterali. Come per altri adattogeni (ginseng, eleuterococco) si consiglia di evitare l’assunzione alla sera perchè potrebbe disturbare il sonno.

Condividi sui social